Ryanair Lancia 2 Nuove Rotte Da Milano Malpensa A Bristol E Palma

05 Feb 2019

Ryanair, la compagnia aerea No.1 in Italia, annuncia oggi – martedì 5 febbraio – due nuove rotte da Milano Malpensa per Bristol (due volte a settimana) e Palma (tre volte a settimana), operative a partire dal 24 maggio, come parte della programmazione estiva 2019 di Ryanair da Milano Malpensa.

La programmazione di Ryanair da Milano Malpensa per l’estate 2019 adesso offre un totale di 13 rotte con 6 nuove rotte per Almeria, Bristol, Heraklion (Creta), Madrid, Malaga e Palma, che quest’anno trasporteranno 2,6m di clienti attraverso l’aeroporto di Milano Malpensa.

I clienti e i visitatori di Milano potranno ora approfittare di tariffe ancora più basse e usufruire delle più recenti innovazioni del programma “Always Getting Better” tra cui:

  • Ancora più rotte, voli e destinazioni
  • Ryanair Roms con uno sconto del 10% da utilizzare come Credito di Volo
  • “Try Somewhere New” – piattaforma di contenuti di viaggio su Ryanair.com

John F. Alborante di Ryanair ha dichiarato:

 “Ryanair è lieta di annunciare queste due nuove rotte da Milano Malpensa a Bristol (due volte a settimana) e Palma (tre volte a settimana), a partire dal 24 maggio, come parte dell’ancora piú ampia programmazione estiva 2019 da Milano Malpensa.

Per festeggiare, Ryanair ha messo in vendita posti su queste due nuove rotte a partire da soli € 27,99, per viaggiare tra maggio e giugno. Questa offerta è valida fino alla mezzanotte di venerdì (8 febbraio). Poiché i posti a questi fantastici prezzi bassi andranno a ruba, invitiamo i passeggeri ad accedere subito al sito Ryanair.com per evitare di perderli.”

Andrea Tucci, VP Aviation Business Development di Sea ha dichiarato:

“Con l’annuncio di queste due nuove rotte il vettore conferma come sia Malpensa che il suo territorio siano, anche per il 2019, tra gli obiettivi d’investimento.  Quest’ulteriore immissione di capacità permetterà a Malpensa di ambire più facilmente al superamento della soglia dei 25 milioni di passeggeri annui.”